Pacini Medicina/ Blog /
Pediatria

Uso dei farmaci durante l’allattamento al seno

9 Ago 2018
allattamento e farmaci

Da diversi anni il Ministero lavora sulla promozione dei benefici per l’allattamento, che implicano anche risparmi economici per i servizi sanitari e la società. Un documento nazionale di riferimento è il seguente: Linee di indirizzo nazionali sulla protezione, la promozione e il sostegno dell’allattamento al seno. La salute della mamma in allattamento è fondamentale per il bambino e, in caso di malattia, può essere individuata una terapia farmacologica.

L’informazione in questo caso è fondamentale: il lattante deve essere sicuro dai possibili effetti del farmaco che attraversa il latte materno e la madre, allo stesso momento, non deve rinunciare ad allattare o a curarsi. Tra il 65% ed il 95% delle mamme assume farmaci il cui uso solleva proprio questa problematica.

Un esempio:

Nel 2016 sono arrivate al centro Antiveleni di Bergamo ben 28922 richieste di consulenza sui farmaci in uso durante l’allattamento. Nell’85% dei casi le richieste sono arrivate dalle pazienti e per il 57% dei pazienti l’età del lattante era inferiore ai 6 mesi al momento della richiesta. Tra i farmaci figurano:

  • antinfiammatori 22%,
  • antibiotici 14%,
  • gastrointestinali 14%,
  • farmaci per il sistema nervoso 8% (ansiolitici, antidepressivi, etc),
  • ormonali 5%.

Le informazioni sull’escrezione dei farmaci nel latte materno sono state desunte da Lactmed, con una ricerca aggiornata a fine maggio 2017 sulle richieste dei principi attivi arrivati al Centro di Bergamo. Per ciascuno dei principi attivi sono stati riportati % di dose materna assunta dal piccolo, gli eventi avversi che sono accaduti nei bambini con madri sotto farmaco, l’autorizzazione all’uso del farmaco per il neonato e la dose autorizzata per l’uso.

Conseguenze della sospensione dell’allattamento

L’uso di un farmaco durante l’allattamento potrebbe richiederne la sospensione, anche se momentanea. Ecco di seguito le conseguenze:

  • perdita di benefici sia per la mamma che per il bambino;
  • anche una breve sospensione creerebbe disagio al bambino che rischierebbe di doversi abituare al latte di formula per poi riadattarsi a succhiare al seno;
  • un’interruzione momentanea provoca rischio di ingorghi mammari o di interruzione definitiva;
  • il mantenimento della produzione di latte tramite le spremiture non ha la stessa efficacia, la produzione potrebbe esserne ridotta.

Per un approfondimento leggete Il Medico Pediatra redatto dalla FIMP.

NEWS
LETTER

Le informazioni che si trovano in questo sito si intendono per un uso esclusivamente informativo e non possono in alcun modo sostituire la consultazione con il proprio medico.

Pacini Editore Srl
via Gherardesca 1, 56121 Pisa • cod.fisc, p.iva, reg.imp.prov.pi 00696690502 • Cap.soc.iv. 516.000 euro
Copyright © 2015. All Rights Reserved.
Cookie Policy | Privacy policy | Credits