Update per il Pediatra
Salute Digitale

Il bilancio di salute e l’anamnesi digitale: l’esperienza della Sardegna

10 Giu 2024
guida-al-digitale-FIMP

 

La FIMP – Federazione Italiana Medici Pediatri ha realizzato la Guida “Bambini e adolescenti in un mondo digitale”, rivolta a medici, pediatri, genitori ed educatori. Questo documento, realizzato con la collaborazione di medici esperti, ha come obiettivo quello di fornire degli strumenti concreti per educare le famiglie e per promuovere una maggiore consapevolezza sull’uso equilibrato delle tecnologie digitali, creando così un percorso educativo condiviso che favorisca il benessere psicofisico e relazionale dei giovani.


 

 

Considerato l’impatto dei dispositivi e dei contenuti digitali in molteplici aspetti della vita di bambini, preadolescenti e adolescenti si propone di ampliare il concetto di salute prevedendo accanto alla dimensione biologica, psichica e sociale anche la dimensione digitale.

Con il termine “salute digitale” si vuole indicare una forma specifica di salute che segnala il benessere o il malessere di tutti gli individui, in particolare dei soggetti in età evolutiva che entrano in contatto con dispositivi elettronici collegati a internet. L’età evolutiva è un periodo che si caratterizza per la molteplicità delle influenze ambientali con maggiore e lunga durata di esposizione e per l’immaturità anatomica, funzionale e metabolica degli organi, con particolare vulnerabilità del sistema nervoso e immunitario. Ciò rende i bambini e gli adolescenti più sensibili alle possibili conseguenze negative sulla salute legate all’esposizione ambientale.

 

In cosa consiste il BSD

Il bilancio di “salute digitale” (BSD) è una nuova procedura sanitaria informatizzata ideata nel 2021 da un team di pediatri, psicologi e psicoterapeuti per promuovere la salute digitale, prevenire la navigazione online a rischio e la precoce esposizione ai device digitali e valutare le possibili conseguenze sullo stato di salute globale.

Il software BSD consente al pediatra di indagare, durante i bilanci di salute o le visite di controllo, sulle abitudini digitali del bambino dalla nascita fino al 16° anno di età, evidenziando eventuali eccessi di esposizione (screen time giornaliero), il tempo dedicato allo studio, all’attività fisica, alla socializzazione, il livello di protezione, l’adeguatezza dei contenuti digitali visualizzati per fascia d’età (serie animate, anime, videogiochi, youtuber, streamer, social network) e in rapporto alle caratteristiche psico-fisiche e sociali del minore e le possibili conseguenze sulla salute. Inoltre fornisce ai genitori delle guide adattate per ciascuna fascia d’età come strumento utile per un intervento correttivo e di prevenzione.

La procedura ha l’obiettivo di supportare il pediatra nel delicato compito di seguire l’individuo dalla nascita all’adolescenza, consentendogli di prevenire e cogliere tempestivamente i segnali di eventuali comportamenti digitali a rischio e le problematiche correlate (eccessivo screen time, dipendenza, cyberbullismo, adescamento, sexting, ritiro sociale e hikikomori).

 

Potenzialità e riscontri dell’esperienza in Sardegna

Oltre ad avere una valenza valutativa, il Bilancio di Salute Digitale potrebbe avere anche una funzione di monitoraggio e propositiva. Le guide fornite ai genitori contribuiscono a sviluppare la consapevolezza digitale in famiglia, che non dovrebbe essere intesa come il traguardo di un percorso informativo-formativo che interessa solamente i figli, ma come l’espressione di un modo autentico e responsabile di pensare il digitale e di essere nel mondo virtuale che riguarda tutti i componenti della famiglia. È infatti nella circolarità delle interazioni tra i genitori e i figli che si co-costruiscono significati e procedure per la corretta gestione delle nuove tecnologie”.

Dai primi dati, raccolti da un gruppo di pediatri di famiglia in Sardegna, emerge un quadro preoccupante: i rischi e i pericoli legati all’esposizione al mondo digitale sono presenti in più della metà della popolazione studiata, in riferimento alle varie aree tematiche indagate.

 

 

 

LEGGI LA GUIDA FIMP “BAMBINI E ADOLESCENTI IN UN MONDO DIGITALE”

 

 

Le informazioni che si trovano in questo sito si intendono per un uso esclusivamente informativo e non possono in alcun modo sostituire la consultazione con il proprio medico.

Pacini Editore Srl
via Gherardesca 1, 56121 Pisa • cod.fisc, p.iva, reg.imp.prov.pi 00696690502 • Cap.soc.iv. 516.000 euro
Copyright © 2015. All Rights Reserved.
Cookie Policy | Privacy policy | Politica della Qualità Ambiente e Sicurezza